Fonte: Archivio Turismo FVG

AREA ARCHEOLOGICA E BASILICA PATRIARCALE DI AQUILEIA (SITO UNESCO DAL 1998)
DOLOMITI (SITO UNESCO DAL 2009)
I LONGOBARDI IN ITALIA. I LUOGHI DEL POTERE (568-774 D.C) (SITO UNESCO DAL 2011)
OPERE DI DIFESA VENEZIANE TRA IL XVI E IL XVII SECOLO: STATO DA TERRA – STATO DA MAR OCCIDENTALE (SITO UNESCO DAL 2017)

Aquileia è il più importante sito archeologico romano dell’Italia settentrionale. Nel 1998 ha avuto il riconoscimento di sito UNESCO per la sua bimillenaria basilica, con i mirabili mosaici paleocristiani, e per i resti degli edifici pubblici che caratterizzavano una grande città romana: foro, basilica civile, strade basolate, mura di cinta, porto, necropoli, mercati pubblici, come pure le vaste aree con residenze abitative. Cividale del Friuli accoglie i suoi visitatori mostrando loro un panorama ricco di storia e di raffinata architettura. Dal 2011 le più significative testimonianze della Cividale Longobarda, il Tempietto Longobardo e i resti del complesso episcopale sono inseriti nel sito UNESCO “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)”. La natura incontaminata del Parco Naturale delle Dolomiti Friulane, con il suo straordinario patrimonio di biodiversità di flora e fauna, a Forni di Sopra si fonde con le affascinanti tracce lasciate dalla storia. Dal 2009 le Dolomiti Friulane sono inserite fra i siti UNESCO. Palmanova, infine, riconosciuta dal 2017 Patrimonio dell’Umanità nel Sito transnazionale “Opere di difesa veneziane tra il XVI ed il XVII secolo: Stato di Terra – Stato di mare occidentale” insieme ad altre città fortificate d’Italia, della Croazia e del Montenegro. Tecnicamente si tratta di un sito seriale transnazionale rappresentativo dell’intero sistema difensivo, progettato e realizzato dalla Repubblica di Venezia per controllare i suoi territori e le vie commerciali che si estendevano dal Mar Adriatico al Medio Oriente.

Chiedi maggiori informazioni


COSA VISITARE

1 Si parte da Aquileia, il più importante sito archeologico del Friuli Venezia Giulia, grazie alla sua Basilica Patriarcale, con mirabili mosaici paleocristiani, e alla pregevole area archeologica d’epoca romana.

2 Palmanova, città fortificata a forma di stella a nove punte fondata dai veneziani nel 1593, considerata secondo la letteratura rinascimentale “città ideale” nonché perfetto esempio di impeccabile architettura militare. Visita al Duomo e al Civico Museo Storico. A seguire spostamento a Cividale del Friuli e visita guidata al centro storico della Città Ducale che fu fondata dai Romani tra il 56 ed il 50 a.C. quando Giulio Cesare vi stabilì il Forum Iulii. Di particolare pregio la visita al Tempietto Longobardo e al Museo Cristiano.

3 Trasferimento a Forni di Sopra, località incorniciata dalle splendide vette delle Dolomiti Friulane. Situata nel cuore di una conca ampia e soleggiata, nella parte orientale del Parco Naturale delle Dolomiti Friulane, uno dei più vasti dell’arco alpino. La visita al Parco offre percorsi tematici alla scoperta della ricchezza naturalistica, del patrimonio di biodiversità di flora e fauna, che a Forni di Sopra si fondono con le affascinanti tracce lasciate dalla storia.

Oltre al centro storico, si consiglia una visita alla frazione di Cella con la Parrocchiale di Santa Maria Assunta e la quattrocentesca chiesa di San Floriano, monumento nazionale. La borgata di Andrazza è caratterizzata da esempi abitativi in pietra e legno con annessi fienili e stalle; nel territorio della borgata, inoltre, sono state rinvenute tombe a inumazione del VII-VIII sec. d. C. Nelle vicinanze, i resti del castello di Sacuidic (XII-XIII sec. d. C.), maniero posto a controllo di un’antica via di comunicazione e il Cuol di Ciastiel, un castrum tuttora in fase di studi e ricerche, sul quale sono stati rinvenuti reperti risalenti al IV-V sec. d. C.

Chiedi maggiori informazioni


DA NON PERDERE

Forni di Sopra: Castello di Saquidic e Chiesa di san Floriano; il castrum tardo romano di Cuol di Ciastiel, la necropoli longobarda di Andrazza; aree attrezzate per sport invernali. Aquileia e Palmanova: borgo medievale di Clauiano, borgo di Strassoldo; Villa Manin di Passariano; Lignano Sabbiadoro, Oasi faunistica Laguna di Marano, area naturale protetta riserva naturale Foci dello Stella. Udine: Piazza Libertà e il Castello. Cividale del Friuli: Santuario Beata Vergine di Castelmonte, zone blasonate a produzione vini Doc; San Daniele del Friuli: Duomo di San Michele Arcangelo, Biblioteca Guarneriana e area di produzione del celebre prosciutto di San Daniele.


COME ARRIVARE

Trieste Airport Friuli Venezia Giulia
Autostrade: Autostrada A4 Torino-Trieste, Autostrada A23 Palmanova-Udine-Tarvisio, Autostrada A28 Portogruaro-Conegliano.
Collegamenti ferroviari con Trieste, Tarvisio, Venezia, Milano e Roma.


CAMERA DI COMMERCIO DI PORDENONE-UDINE

Camera di Commercio di Pordenone-Udine
Tel: +39 0432 273111
Email: urp@ud.camcom.it
Web: www.ud.camcom.it

Lascia un commento