PALAZZO REALE DEL XVIII SECOLO DI CASERTA CON IL PARCO, L’ACQUEDOTTO VANVITELLIANO E IL COMPLESSO DI SAN LEUCIO (RICONOSCIMENTO UNESCO 1997)

Caserta è provincia della Regione Campania ed occupa quella parte di territorio che anticamente i romani chiamavano Campania Felix. Caserta ha origini antiche, già nel periodo longobardo (VIII secolo) esisteva un nucleo urbano denominato Casa Hirta (dal latino: “villaggio posto in alto”), che assunse i connotati di un moderno impianto urbanistico solo nella seconda metà del XVIII secolo quando Carlo III di Borbone commissionò all’architetto Luigi Vanvitelli la costruzione dell’omonima “Reggia”, una maestosa residenza reale di 1.200 stanze e 1.742 finestre, lunga, nel lato meridionale, ben 249 metri e alta 37,83.
Un incanto che ricopre un’area di circa 47.000 m². Nello stesso periodo i Borboni insediarono, nella pianura che successivamente sarà ribattezzata di “Terra di Lavoro”, innumerevoli siti, quali ad esempio la Real tenuta di Carditello e la Real seteria di San Leucio, che non furono soltanto luogo di svago per la corte, ma importanti luoghi di espressione imprenditoriale. Basti pensare che nel 1856, alla rassegna internazionale di Parigi, l’ industria borbonica si classificò al terzo posto in Europa come sviluppo industriale, dopo Inghilterra e Francia. Oggi, la provincia di Caserta, anche nota come “Terra di Lavoro”, si estende, dal mare (45 km. di litorale costiero) alle montagne, per una superficie pari al 19% del totale regionale; un territorio che, con tre Comunità Montane, tre parchi regionali, tre Riserve Naturali e con un numero significativo di bellezze di interesse storico/artistico, si propone come meta ideale per chi ama le vacanze all’insegna della natura e della cultura.

Chiedi maggiori informazioni


COSA VISITARE

. Il centro storico di Caserta, con i suoi ristoranti tipici, non potrà che lasciarvi a bocca aperta.

La Reggia di Caserta, che si trova all’ingresso del centro della città, è facilmente raggiungibile perché collegata alla stazione ferroviaria e all’uscita Caserta Nord dell’Autostrada del Sole. La Reggia, la più grande al mondo per volume, vi affascinerà con i suoi appartamenti storici, i Giardini Reali, il Giardino Inglese, il Bagno di Venere, il Criptoportico, la Cappella Palatina, la Quadreria, la sala del Trono e mille altre sorprese. Una piccola curiosità: con la nascita del Regno d’Italia (1861), i funzionari sabaudi censirono i beni contenuti nella Reggia. Il bidet fu così inventariato: “strano oggetto a forma di chitarra”.

Non possono mancare le visite alla seteria Reale di San Leucio, all’acquedotto vanvitelliano – “i ponti della valle”, e a Casertavecchia.

Chiedi maggiori informazioni

Chiedi maggiori informazioni


DA NON PERDERE

Casertavecchia, Bosco di San Silvestro, Vaccheria e San Leucio, Anfiteatro Capuano, Acquedotto vanvitelliano, Basilica benedettina di S.Angelo in Formis, Teatri romani di Sessa Aurunca e Teano, Sito di Carditello.


COME ARRIVARE

In auto: Autostrada A1 Roma-Napoli,
Autostrada A30 Caserta-Salerno.
In treno: Linea ferroviaria Napoli – Roma
In aereo: Aeroporto di Capodichino (NAP)


CAMERA DI COMMERCIO DI CASERTA

Tel: +39 0823 249111
e-mail e pec : info@ce.camcom.it
web: www.ce.camcom.it