• EN
  • IT
  • Il Santuario di San Michele Arcangelo

    Sito Unesco dal 2011

    Il luogo è stato oggetto di culto privilegiato e meta dei popoli che hanno scritto la storia del Mediterraneo medievale: i Longobardi, che primi fra tutti hanno fatto della custodia del santuario micaelico la propria missione spirituale, poi i Normanni, gli Svevi, gli Angioini e dall’altro lato i “nemici” di sempre, i Bizantini. Tappa obbligata per tutti i viaggiatori – pellegrini cristiani o guerrieri in armi in partenza per le crociate – diretti per la Terra Santa, il santuario, la cui fondazione è databile intorno al 493, offre al visitatore le tracce delle culture che lo hanno attraversato, come le iscrizioni a caratteri runici che i viaggiatori scandinavi, in sosta sulla strada per Gerusalemme, hanno inciso sulle pareti della grotta, il Portale del Toro che introduce alla grotta scara realizzato a Costantinopoli (1076), e il campanile voluto da Carlo I d’Angiò, completato nel 1282. Com’è tipico nell’architettura medievale della Puglia, origini germaniche e influssi orientali si amalgamano, sublimati da secoli di scambi, e i lavori successivi apportati al santuario, come l’altare del Santo della fine del Cinquecento o i motivi barocchi della cappella del Santissimo Sacramento, testimoniano la presenza sempre viva del Santuario di San Michele Arcangelo nella cultura artistica e religiosa del Sud Italia. 

    Come arrivare

    Aeroporto di Bari

    Linea Ferroviaria Napoli-Bari

    Linea Ferroviaria Lecce-Bologna

    Attività

    cycling

    trekking

    escursioni

    Ultime Notizie

    da CamCom

    Associazione Mirabilia Network

    CF: 97963600586

    +39 0835 338408 – 41 – 42

    info@mirabilianetwork.eu

    associazionemirabilianetwork@legalmail.it

    L’Associazione Mirabilia Network è dedicata alla promozione dei territori e dei percorsi nei siti Patrimonio dell’Umanità UNESCO sostenuti delle Camere di Commercio di: